Articoli

Flat Tax? No, Flat Earth

Sono sempre interessato alle tante congetture scientifiche e storiche che risultano controverse o sulle quali non c’è ancora o non ci sarà mai certezza; certo, bisogna essere consapevoli che, per essere scientifica, una teoria deve essere confutabile e allo stesso tempo non essere confutata (una teoria non potrà mai essere del tutto verificata ma solo falsificata), con la conseguenza che non si deve mai considerare definitivamente raggiunta la verità scientifica, però almeno così non ci annoiamo.

Di sicuro non c’era da annoiarsi quando, in una domenica di fine novembre, la trasmissione Le Iene su Italia Uno ha trasmesso un servizio girato durante un raduno di persone che Einstein avrebbe ritenuto essere in possesso di qualcosa di infinito (“l’Universo e la stupidità umana, ma riguardo l’Universo ho dei dubbi”): i terrapiattisti.

Secondo costoro, in pratica, la Terra non ha la forma quasi sferica già misurata in tutti i modi possibili e che viene chiamata “Geoide”, bensì sarebbe totalmente piatta, con un perimetro formato da una cintura di ghiacci abitato da soldati e guerrieri che lottano contro altre creature, come dimostrato inconfutabilmente dai primissimi Greci e dal Trono di Spade.

Più che una singola teoria, però, chi la sostiene porta avanti un ecosistema di speculazioni, con una specie di gara a chi dichiara di aver scoperto la bugia più grossa, e poi non fa niente che non ha evidenze di quello che dice, oppure che ci sono prove evidenti del contrario: come Trump insegna, ormai la scienza è roba da fessi.

C’è chi dice che gli sbarchi lunari e le missioni spaziali siano tutte delle messe in scena e che gli altri corpi celesti siano solo ologrammi, chi crede che l’Australia non esista e gli abitanti di Sidney vivano inconsapevolmente a Termoli, chi sbugiarda Newton e Einstein sostenendo che la forza di gravità non sia reale ma solo un complotto per giustificare il seno cadente delle donne, e così via.

Partendo dal terrapiattismo, infatti, l’impressione è che i paladini di queste “teorie” non usino il metodo scientifico ma solo la certezza delle loro opinioni, alla costante ricerca di argomenti sempre nuovi da demolire, tanto che, ad esempio, per loro ormai è così assodato che l’undici settembre sia stato tutto un complotto che neanche vale la pena perderci altro tempo (la stessa cosa che avrà pensato ad un certo punto l’inviato delle Iene).

Alcuni di loro, poi, su tutti questi argomenti non disdegnano di scrivere libri, che si rivolgono ad un discreto segmento di mercato permettendogli di integrare lo stipendio o la pensione che, si sa, ormai non bastano più; insomma, tutto mi aspettavo tranne che anche la diffusione delle teorie del complotto rientrasse nel novero dei danni della legge Fornero.

Blister

Blister: IL MARCIO SU ROMA

Eurodeputato della Lega si toglie una scarpa e imbratta i documenti del Commissario Moscovici.
Era questo il loro modo di sbattere i pugni sul tavolo in UE.

Grillo: “Il Capo dello Stato ha troppi poteri.”
Non sbaglia mai un congiuntivo.

Di Battista: “A Natale torno in Italia, mi manca la battaglia”.
Quella per mettere il bambinello nel presepe.

Di Maio: “Sul TAP abbiamo dovuto dire la verità ai cittadini”.
Per il resto invece vanno ancora bene le favole.

L’Espresso pubblica un test per scoprire quanto sei fascista.
In una scala da zero a Salvini.

Il sindaco di Roma Raggi dopo la sentenza di assoluzione: “Spazzati via due anni di fango”.
Finalmente sono passati i netturbini.

A Roma sequestrate e demolite otto ville dei Casamonica ricche di stucchi dorati e arredi pacchiani.
Su ordinanza di Vittorio Sgarbi.

Roma, la giunta Raggi vieta di rovistare tra i rifiuti.
Sarà difficile ora farsi largo sui marciapiedi.

 

Libro

C’è ancora da sorridere – Pillole di battute e considerazioni sull’attualità

È finalmente arrivato il mio libro, “C’è ancora da sorridere” – Pillole di battute e considerazioni sull’attualità.
Una raccolta di freddure scritte giorno dopo giorno sugli avvenimenti degli ultimi anni, che restituisce un caleidoscopio di momenti che hanno plasmato la nostra storia recente (l’avvento di Papa Francesco, l’evoluzione della Sinistra italiana, l’elezione di Trump, la relazione tra Corona e Asia Argento) coniugati in chiave satirica ma con lo scopo, non secondario e proprio anche di questo blog, di riflettere su ciò che ci circonda (il che non guasta se poi si vuole passare all’azione).
Il libro è disponibile nelle librerie online di Streetlib, IBS e Amazon.

Buon divertimento!

LIBRO DEF PAG. 1

 

DICONO DI QUESTO LIBRO:

“Aspetto che esce il film.”
(Luigi Di Maio)

“Non ho ancora capito chi è l’assassino.”
(Maurizio Gasparri)

“Sempre meglio del libro di poesie di Sandro Bondi.”
(Silvio Berlusconi)

“Preferivo un comizio di D’Alema.”
(Matteo Renzi)

“Ad una attenta lettura, la riflessione escatologica sull’humus sociale che rappresenta il sostrato gnoseologico di tali epifonemi produce una epifania ontologica di interesse mnestico.”
(Nichi Vendola)

“Fa cagare.”
(Alessia Marcuzzi)

“Divertente come un’ispezione della Guardia di Finanza.”
(Mario Monti)

“Questo libro mi è piaciuto molto!”
(Antonio Razzi, dopo aver controllato il suo conto corrente)

 

Blister

Blister: UNA MANINA LI SEPPELLIRÀ

Il sindaco di Riace, simbolo dell’accoglienza ai migranti, è stato accusato di diversi reati.
Tra cui quello di tentata umanità.

Decreto Salvini, cittadinanza italiana per gli stranieri che compiono atti di eroismo.  Come acquistare i nostri titoli di stato.

Col Decreto Salvini viene eliminata la protezione umanitaria. Naturale, se il governo non è umano.

Turchia, giornalista fatto a pezzi con una sega all’interno del consolato saudita.
In attesa di poterlo fare anche al di fuori.

Lanciato il primo salame nella mesosfera.  E ora il detto ‘Quando i maiali voleranno’ diventa ‘Quando il PD sarà di sinistra’.

Il filosofo Fusaro e la fidanzata vogliono arrivare casti fino al matrimonio.
Stoicazzi.

La fidanzata di Fusaro: “Non abbiamo mai fatto l’amore”.
La colpa è sicuramente del turbocapitalismo demofobico.

Bomba carta nella sede della Lega.
Falso allarme: era solo un libro.